Template Joomla scaricato da Joomlashow

27 Gennaio 2011: Giornata della memoria

27 Gennaio 2011: Giornata della memoria

Il 27 Gennaio in occasione della giornata della memoria si è tenuta presso l’ Aula Magna del Liceo Scientifico Francesco Redi ,dalle ore 11,15 alle 12,55, una conferenza dibattito sulla Shoah coordinata dalla professoressa  M.A. Falco. Sono intervenuti  per illustrare un progetto che ricostruisce la storia del campo di  Terezin,  la Dottoressa Norma Lelli e il Professore Maestro Volfango Dami.

Il campo di concentramento di Theresienstadt venne fondato presso la città fortezza di Terezín (in tedesco, appunto, Theresienstadt) che attualmente fa parte della Repubblica Ceca, e venne utilizzato dalla Gestapo tedesca durante la Seconda guerra mondiale. Il campo di Theresienstadt venne originariamente concepito per l'imprigionamento di ebrei privilegiati provenienti dalla Germania, dalla Cecoslovacchia e dall'Austria. La città di Terezín era già conosciuta per i numerosi artisti che vi risiedevano e per la ricca vita culturale e, dopo lo scoppio della guerra, molti importanti artisti, diplomatici, letterati e giuristi provenienti dalla Germania, dall'Austria e dalla Cecoslovacchia vi vennero deportati, trovandovi, nella maggior parte dei casi, la morte. Il 23 giugno 1944, in seguito alle proteste del governo danese che dall'ottobre 1943 chiede notizie sul destino degli ebrei catturati a Copenaghen, Adolf Eichmann accorda una visita al campo ai rappresentanti della Croce Rossa internazionale al fine di dissipare le voci relative ai campi di sterminio. Per non far pensare alla sovrappopolazione del campo, molti ebrei vennero deportati verso un tragico destino ad Auschwitz. L'amministrazione del campo si occupò inoltre di costruire falsi negozi e locali al fine di dimostrare la situazione di benessere degli ebrei di Theresienstadt. I danesi che la Croce Rossa visitò erano stati temporaneamente spostati in camere riverniciate di fresco e non più di tre per camera. Gli ospiti poterono apprezzare l'esecuzione dell'opera musicale Brundibar (scritta dal deportato Hans Krása) eseguita dai bambini del campo. La trama dell'opera contiene elementi fiabeschi come per Hansel e Gretel e I musicanti di Brema. I protagonisti Pepícek e Aninka sono fratello e sorella orfani di padre. La loro madre è malata e il dottore dice loro che lei necessita di latte per riprendersi. Purtroppo sono senza soldi e decidono perciò di cantare al mercato per cercare di raccogliere quelli necessari. Ma il malvagio suonatore d'organo Brundibár (che rappresenta Hitler) li caccia. Ad ogni modo, con l'aiuto di un impavido passero, di un astuto gatto, di un saggio cane e dei bambini del paese, saranno capaci di cacciare Brundibár, e cantare infine nella piazza del mercato. Proprio quest’ opera per bambini è stata allestita dal maestro Volfango Damo e da Norma Lelli che hanno deciso di riportarla in scena per fare della musica uno strumento di memoria . L’operina Brundibar è stata interpretata nel ghetto di Terezin oltre 50 volte sempre con un gruppo di bambini diverso dal precedente poiché ,dopo la rappresentazione, gli stessi venivano sistematicamente uccisi ad Auschwitz. La trama ha le caratteristiche di una storia per ragazzi ma rivela in forma di metafora l’anelito di vittoria contro la prepotenza e la malvagità, la speranza di giustizia e libertà. Questo spirito era ben sentito dagli stessi bimbi protagonisti dell’opera come si evince dalla testimonianza di un sopravvissuto: “Quando noi cantavamo dimenticavamo la fame, dimenticavamo dove fossimo; quando eravamo in scena dimenticavamo ogni cosa e quando alla fine cantavamo la canzone della vittoria immaginavamo di aver sconfitto Hitler. C’era tanto potere in questa musica, tanto potere!”. La musica era quindi per i deportati di Theresienstadt uno strumento di libertà e di speranza molto potente che ora appunto ci serve a ricordare la più grande tragedia dell’ umanità e a ricordare soprattutto a che livelli di crudeltà può arrivare l’ uomo.

Studenti della IV M

Fonti: appunti sulla conferenza, internet